Selettori generici
Solo corrispondenze esatte
Cerca nel titolo
Cerca nei contenuti
Selettori del tipo di post
Contatto

Garantire che l'endoscopia non venga lasciata indietro

6 gennaio 2020
< Torna alle notizie
Piani ambiziosi per “revisionare” i processi di screening del cancro in tutta l’Inghilterra non saranno possibili senza prestare seria attenzione allo stato dei servizi di endoscopia.

Il direttore medico dell'NHS England ha lanciato una sfida agli operatori sanitari per ottenere risultati migliori contro il cancro. È stato fissato l'obiettivo che il 99% dei pazienti attenda meno di sei settimane tra l'invio per i test diagnostici e lo svolgimento del test.

Come recente Progetti di politica pubblica (PPP) relazione: Guardarsi dentro: lo stato dell’endoscopia in Inghilterra, ha rivelato, questi obiettivi ammirevoli non saranno realizzabili a meno che la capacità del Servizio Sanitario Nazionale per la fornitura di endoscopi non venga posta su basi più sicure. Sfortunatamente, questo non è attualmente il caso delle aziende ospedaliere in tutta l’Inghilterra. Il rapporto ha rilevato che il 41% dei centri opera con suite endoscopiche che si avvicinano o superano la durata di vita di dieci anni raccomandata dal produttore.

La rilevanza di questa discussione è stata ulteriormente aggravata dal recente rapporto del professor Sir Mike Richard, ex direttore nazionale del cancro per l'NHS England, intitolato: La revisione indipendente dei programmi di screening per adulti in Inghilterra. Chiaramente, avere la capacità di attingere a molteplici opzioni per favorire l’adozione dei programmi di screening non è mai stato così pertinente.

Il rapporto di PPP, pubblicato in collaborazione con Vanguard Healthcare Solutions, ha affrontato questo argomento in una vivace tavola rotonda tenutasi quest'anno IHEEM Conferenza sulle proprietà sanitarie. Erano presenti diversi gestori di proprietà e strutture, insieme a ingegneri autorizzati e responsabili clinici di decontaminazione ed endoscopia dei trust NHS in tutto il Regno Unito. La discussione ha fornito un forum coinvolgente in cui questi leader di pensiero senior hanno parlato del motivo per cui è stato permesso che il deterioramento delle strutture endoscopiche si manifestasse in modo così grave in tutto il servizio sanitario nazionale.

Durata

Secondo il rapporto del PPP, il 25% delle suite di decontaminazione attualmente in uso in tutta l'Inghilterra hanno più di 10 anni e il 15% degli ospedali non ha aggiornato le proprie suite negli ultimi otto anni. Nel contesto della domanda alle stelle di servizi di endoscopia, esiste chiaramente la necessità di un maggiore controllo su come definiamo esattamente il ciclo di vita di una suite per endoscopia. Questo punto si è rivelato un importante motore di discussione.

"La domanda di servizi di endoscopia sta andando solo in una direzione", ha affermato David Cole, CEO di Vanguard Healthcare Solutions. In qualità di moderatore del dibattito, David desiderava sondare i partecipanti del settore pubblico sul tema del ciclo di vita dell'endoscopia. David ha posto la domanda: “Considerando questo inevitabile aumento di attività, come viene misurata l’attuale aspettativa di vita delle apparecchiature per endoscopia?”

Il consenso durante l'incontro è stato che i cicli di vita delle unità endoscopiche si basano su un periodo di tempo durante il quale l'apparecchiatura è in servizio attivo piuttosto che sul numero di cicli operativi. Considerando la crescente domanda, misurare semplicemente il ciclo di vita in termini di anni non è più sufficiente per garantire che le apparecchiature possano raggiungere gli standard minimi di decontaminazione giorno dopo giorno.

Inoltre, la misurazione del ciclo di vita dell’endoscopia negli anni attivi non tiene conto dell’aumento dei costi di manutenzione, che sono una conseguenza inevitabile del crescente utilizzo. La capacità integrata di manutenzione è un lusso che oggigiorno pochi trust possono permettersi e pertanto un impatto sui livelli di attività operativa è inevitabile.

“La cosa fondamentale è il modo in cui aumentiamo la capacità immobiliare esistente”. Alex Chilvers, amministratore delegato di 18 Week Support "Naturalmente, l'aumento dell'utilizzo avrà un effetto dannoso sulla longevità delle apparecchiature", ha affermato Alex Chilvers, amministratore delegato di 18 Week Support, un'organizzazione dedicata ad aiutare i trust a gestire il rinvio a percorsi e obiettivi di trattamento. Alex ha insistito sul fatto che, nel contesto dell’assenza di finanziamenti in conto capitale per gli aggiornamenti a lungo termine delle suite endoscopiche, “la cosa fondamentale è il modo in cui aumentiamo la capacità esistente”.

Si possono cercare esempi in altri settori su come monitorare la longevità delle apparecchiature per endoscopia. In effetti, questo è un punto che Rosemary Jenssen, architetto sanitario, era ansiosa di sottolineare. "Le automobili hanno intervalli di manutenzione intelligenti in base alla loro attività, mentre le unità di endoscopia sembrano essere monitorate in base al numero di anni di attività", ha affermato Rosemary. “Se il nostro monitoraggio del ciclo fosse basato su un uso più diretto delle attrezzature, allora avreste opportunità di pianificazione molto migliori per fornire informazioni su quando sostituire le attrezzature sovrautilizzate”.

Quando le apparecchiature iniziano a guastarsi, è troppo tardi e quindi, come ha astutamente notato Rosemary, il servizio sanitario nazionale deve cercare di adattare il monitoraggio del ciclo verso un approccio più incentrato sull’attività. Rosemary non è stata la sola a sottolinearlo. Cliff Howell, ex direttore e responsabile operativo della divisione NHS Estates and Facilities, Efficiency and Productivity presso NHS Improvement, ha sottolineato in termini schietti: "Dobbiamo passare a un approccio basato sull'evidenza piuttosto che limitarci a leggere ciò che dice il manuale di riparazione".

Gestire il rischio o gestire il denaro?

Se i gestori delle strutture di tutti i trust del NHS riconoscono i limiti nel modo in cui viene monitorata la durata di vita delle infrastrutture critiche all'interno delle suite di endoscopia, è importante sapere cosa spinge un trust a sostituire, o almeno ad aumentare, le sue strutture esistenti.

Non sono arrivate risposte rapide, poiché i gestori delle strutture hanno immediatamente citato preoccupazioni più ampie sul pensiero qui e ora, che spesso impedisce al servizio sanitario nazionale di prendere decisioni a lungo termine disperatamente necessarie riguardo al suo patrimonio. Un delegato è arrivato addirittura a dire che il servizio sanitario nazionale soffre di una “sindrome da pianificazione a breve termine” quando si tratta di utilizzo del patrimonio.

In definitiva, mentre i trust vogliono incentrare le decisioni sull'aggiornamento delle apparecchiature endoscopiche, i gestori delle strutture sono solitamente limitati dalla stessa questione: i costi. La questione della spesa in conto capitale e del suo effetto dannoso sulla cura dei pazienti è stata sicuramente messa in primo piano nelle discussioni sul miglioramento dell’assistenza sanitaria. Le restrizioni finanziarie dettano ancora gran parte del processo decisionale quotidiano dei gestori di proprietà e strutture. Per troppi, è ancora tutta una questione di soldi.

Quali sono i fattori scatenanti che spingono un trust a rivedere e potenzialmente aggiornare le proprie strutture di endoscopia? Qual è il rischio aziendale rispetto a quello individuale? Quali misure può adottare un ente per sensibilizzare l'opinione pubblica sulle apparecchiature endoscopiche obsolete? Questi sono i tipi di domande che i gestori delle strutture del sistema sanitario nazionale dovrebbero prendere in considerazione, ma di volta in volta le loro decisioni si basano su troppe priorità concorrenti.

Qualcosa deve essere dato

Per promuovere un ambiente più proattivo in cui le decisioni siano basate sulla sicurezza del paziente, è essenziale che avvenga il flusso di capitali direttamente alle strutture dei servizi di endoscopia. Gli attuali fallimenti nel garantire il sostegno finanziario per l’endoscopia rivelano una disconnessione tra il desiderio a livello di politica nazionale di raggiungere gli obiettivi di screening del cancro e le attrezzature che così spesso possono rivelarsi vitali per raggiungere tali obiettivi.

"In modo simile al LINAC e alla sostituzione delle apparecchiature di imaging, ci sono spesso iniziative e finanziamenti a livello nazionale messi a disposizione per sostituire apparecchiature vecchie e obsolete", ha affermato Cliff, che ha suggerito che questa politica dovrebbe essere estesa per includere apparecchiature per servizi di endoscopia.

Nonostante un quadro di spesa in conto capitale tutt’altro che chiaro, ci sono opzioni a disposizione dei trust per garantire che mantengano le proprie strutture di endoscopia e quindi raggiungano gli obiettivi di screening del cancro. “Il patrimonio arretrato e la sostituzione delle apparecchiature nel sistema sanitario nazionale sono ai massimi storici, mentre la disponibilità di capitale rimane limitata. I livelli di arretrato, quindi, sono destinati ad aumentare”, ha affermato Cliff. “Forse il servizio sanitario nazionale dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di riservare i finanziamenti del ciclo di vita per gli sviluppi futuri, al fine di evitare il ripetersi del passato”.

L’aumento della capacità immobiliare esistente svolgerà un ruolo sempre più importante. Il rapporto del professor Richards per l'NHS England citava le unità mobili come potenzialmente in grado di alleviare lo stress sui servizi di endoscopia. Ciò ha il vantaggio di superare le obiezioni sollevate dai medici riguardo all’uso di strutture esterne come minaccia all’erogazione di servizi sanitari integrati.

Per raggiungere gli ambiziosi obiettivi contro il cancro, il cambiamento dovrà arrivare da qualche parte. Il rapporto PPP ha rivelato che l'87% degli ospedali che hanno segnalato l'invecchiamento delle suite di decontaminazione (cioè quelli che non sono stati ristrutturati negli ultimi otto anni) fanno anche parte di strutture che non sono riuscite a raggiungere l'obiettivo di sei settimane di attesa per i test diagnostici.

"Il Regno Unito ha alcuni degli standard di decontaminazione e sterilizzazione più elevati di qualsiasi parte del mondo." David Cole , CEO di Vanguard Healthcare Solutions

Le unità di endoscopia in tutto il servizio sanitario nazionale hanno fatto molta strada dagli “armadi per scope” utilizzati una volta (come li ha descritti un delegato) alle unità grandi, sofisticate e centralizzate ma, come ha sottolineato David Cole, questo non deve giustificare l’autocompiacimento. “Il Regno Unito ha alcuni degli standard di decontaminazione e sterilizzazione più elevati di qualsiasi parte del mondo”, ha affermato David concludendo quella che è stata una discussione vivace e coinvolgente, “ma non possiamo permetterci di tornare indietro”.

Mentre aspettiamo che i politici nazionali indirizzino i finanziamenti di capitale estremamente necessari in prima linea, i trust acuti devono garantire che le strutture dei servizi di endoscopia non vengano lasciate indietro e che i pazienti non inizino a sentire effetti negativi.

Condividi questo:

< Torna alle notizie

Potrebbe piacerti anche...

Il Nuffield Health Tees Hospital e Vanguard iniziano la costruzione di due nuove sale operatorie per aiutare il servizio sanitario nazionale e i pazienti privati

Sono iniziati i lavori per creare due nuove sale operatorie presso il Nuffield Health Tees Hospital, parte della più ampia organizzazione di beneficenza Nuffield Health. Vanguard Healthcare Solutions è leader nella costruzione dell'ampliamento a due piani appositamente costruito per ospitare due sale operatorie moderne e spaziose, in sostituzione delle attuali due sale operatorie esistenti dell'ospedale, vecchie di 43 anni
Per saperne di più

Vanguard può contribuire a contrastare il mancato accesso alle sale operatorie, individuato da RCS

Il censimento della forza lavoro chirurgica di RCS 2023 mostra che i problemi di accesso alle sale operatorie stanno contribuendo a lunghi tempi di attesa per le cure ospedaliere in tutto il Regno Unito
Per saperne di più

Vanguard porterà una sala operatoria a flusso laminare al The Operating Theatres North Show 2024

The Operating Theatres North Show 2024 - 8 febbraio 2024, Etihad Stadium, Manchester
Per saperne di più

Soluzioni sanitarie Vanguard
Unità 1144 Regent Court, The Square, Gloucester Business Park, Gloucester, GL3 4AD

crossmenu

Sembra che tu sia negli Stati Uniti

Abbiamo un sito diverso (www.q-bital.com) che si adatta meglio alla tua posizione

Click here to change sites

Rimani su questo sito