Selettori generici
Solo corrispondenze esatte
Cerca nel titolo
Cerca nei contenuti
Selettori del tipo di post
Contatto

Come si confrontano i nostri tempi di attesa?

27 aprile 2021
< Torna alle notizie
I tempi di attesa sono rimasti un tema caldo durante tutta la pandemia, e non solo qui nel Regno Unito. Ma come si confrontano a livello internazionale i nostri tempi di attesa per la chirurgia elettiva? E qual è la tendenza più ampia a lungo termine?

Dobbiamo ancora vedere il pieno impatto del Covid-19 sulle liste di attesa e sui tempi che i pazienti dovranno attendere per un intervento chirurgico elettivo. Anche se non c’è dubbio che ciò abbia causato un temporaneo arretrato in alcune aree e per alcune specialità, non sappiamo quale sarà l’effetto a lungo termine, poiché stiamo ancora lavorando per uscire dalla pandemia.

Può essere utile ampliare la prospettiva e guardare alle tendenze a lungo termine e al contesto internazionale, nonché alle politiche che i diversi paesi hanno adottato per gestire le liste di attesa.

I tempi di attesa sono una preoccupazione di lunga data in molti paesi, e anche questo è un problema Rapporto dell'OCSE è stato recentemente pubblicato sull'argomento. Lo studio esamina i tempi di attesa in 17 paesi OCSE, nonché l’effetto di una serie di politiche implementate per affrontare il problema, utilizzando dati fino al 2018-19 compreso. Un giusto confronto Un problema quando si confrontano più paesi è che la definizione, le modalità di misurazione, raccolta, strutturazione e rendicontazione dei dati variano da paese a paese, limitando la comparabilità.

I tempi di attesa, ad esempio, possono essere registrati a partire dall'impegnativa del medico di famiglia o in seguito ad una visita specialistica. Alcuni sistemi sanitari misureranno il tempo di attesa “ambulatoriale”, altri il tempo di attesa “ricoverato”, altri ancora misureranno l’intero tempo di attesa per l’invio al trattamento, come nel caso di Danimarca, Norvegia e Inghilterra.

Mentre il tempo di attesa medio e mediano, il tempo di attesa in determinati percentili della distribuzione - e il numero o la percentuale di pazienti in attesa per più di un periodo di tempo soglia (ad esempio 3, 6 o 12 mesi) - sono tutti modi validi per misurare l'attesa volte, la mediana è più comunemente utilizzata per i confronti internazionali.

Tuttavia, la distribuzione dei tempi di attesa è generalmente distorta, con una piccola percentuale di pazienti che aspettano per molto tempo, il che significa che i tempi di attesa medi possono essere sostanzialmente più lunghi della mediana. Come si posiziona il Regno Unito? Lo studio dell’OCSE mostra che i tempi di attesa per la chirurgia elettiva possono variare ampiamente da un paese all’altro, con tempi di attesa quasi 10 volte superiori in alcuni paesi rispetto ad altri.

I dati sui tempi di attesa sono attualmente disponibili solo per 17 paesi OCSE e per alcune procedure. In media in questi paesi, i tempi di attesa mediani sono stati più brevi per interventi chirurgici minori, come gli interventi di cataratta (95 giorni nel 2018), e più lunghi per interventi chirurgici più importanti come la sostituzione dell’anca (110 giorni) e della sostituzione del ginocchio (140 giorni).

Tuttavia, ci sono enormi variazioni tra i paesi. Nel complesso, i tempi di attesa per un intervento chirurgico elettivo nel 2018 sono stati i più bassi in Danimarca, Paesi Bassi, Italia e Ungheria, mentre sono stati i più alti in Estonia, Polonia e Cile.

Il grafico seguente mostra i tempi di attesa medi per alcuni paesi OCSE selezionati con dati comparabili per diversi tipi di intervento chirurgico.

Come mostra il grafico, nel 2018 i tempi medi di attesa per un intervento di cataratta nel Regno Unito sono stati inferiori alla media OCSE, ma superiori a quelli di altri paesi, tra cui Italia, Danimarca e Svezia. Va notato che due paesi non mostrati in questo grafico , Estonia e Polonia, hanno registrato tempi di attesa significativamente più elevati, rispettivamente di 180 e 250 giorni.

Nonostante i tempi di attesa per gli interventi chirurgici elettivi siano aumentati nel tempo, il tempo di attesa mediano nel Regno Unito per le protesi dell’anca e del ginocchio è stato ancora una volta inferiore alla media OCSE e inferiore a quello di paesi come Australia, Canada e Portogallo.

In Australia, l’attesa media per le protesi del ginocchio è stata una delle più alte tra tutti i paesi OCSE, pari a 209 giorni, più di 6 mesi. La media OCSE è elevata per questo tipo di procedura ed è stata menzionata da relativamente pochi paesi con tempi di attesa molto elevati (non mostrati qui), come il Cile, che ha un'attesa media di 840 giorni, e l'Estonia con 460 giorni.

In tutti i paesi, i pazienti che necessitano di trattamenti più urgenti generalmente hanno un’attesa più breve rispetto a quelli il cui stato di salute ha meno probabilità di peggiorare durante l’attesa. Pertanto, i tempi medi di attesa per un intervento di bypass coronarico sono generalmente più brevi. Come sono cambiati i tempi di attesa nel tempo? I dati dell’OCSE mostrano che, dopo un periodo di stabilità, i tempi di attesa per le cure elettive (che di solito sono i più lunghi) avevano iniziato ad aumentare in diversi paesi, anche prima dell’epidemia di Covid-19.

Tuttavia, le modifiche al tempo di attesa mediano in paesi come il Regno Unito e l’Australia, sebbene significative, sono state relativamente piccole da una prospettiva internazionale rispetto, ad esempio, all’Estonia e al Portogallo.

Molti paesi hanno attuato politiche incentrate sulla riduzione dei tempi di attesa, con risultati contrastanti. Danimarca, Inghilterra e Finlandia sono riuscite a ridurre i tempi di attesa per molti servizi sanitari facoltativi e a mantenere queste riduzioni per periodi prolungati e, come mostrato nei grafici, la Polonia è riuscita a ridurre sostanzialmente i tempi di attesa negli ultimi cinque anni.

Nota: † Per i Paesi Bassi, i dati rappresentano la media, poiché la mediana non è disponibile * Per la Norvegia, i tempi di attesa sono sovrastimati a causa del modo in cui vengono calcolati. Fonte: Statistiche sanitarie dell'OCSE Come vengono affrontati i tempi di attesa nei diversi paesi? La comparsa di liste d'attesa è generalmente il risultato di uno squilibrio tra domanda e offerta di servizi sanitari. Le giuste politiche da attuare saranno diverse in ogni paese e dipenderanno, tra gli altri fattori, dal sistema sanitario, dalla situazione finanziaria e politica.

I tempi massimi di attesa sono stati utilizzati in molti paesi come obiettivo per i fornitori e, in alcuni casi, come garanzia per i pazienti, ma non esiste un tempo di attesa massimo “uguale per tutti”.

Aumenti permanenti e sostenuti dell’offerta sono il modo più efficace per ottenere una riduzione permanente dei tempi di attesa. Tuttavia, anche gli interventi a breve termine che utilizzano pacchetti di finanziamento aggiuntivi occasionali hanno uno scopo importante. Rispondendo rapidamente a un aumento temporaneo della domanda o a un'interruzione a breve termine dell'offerta, è possibile evitare che le liste di attesa aumentino sostanzialmente e causino un arretrato, nonché un aumento dei tempi di attesa più avanti o per un periodo di tempo più lungo.

Anche aumenti permanenti dell’offerta non sono una garanzia di successo. In alcuni casi l’offerta aggiuntiva può essere controbilanciata da un aumento della domanda, attraverso un aumento delle segnalazioni, dei test e delle procedure. Ad esempio, i tempi di attesa per alcuni interventi chirurgici elettivi in Canada e Australia sono aumentati negli ultimi anni nonostante ulteriori finanziamenti e un aumento dell’attività.

In caso di notevole eccesso di domanda, talvolta viene preso di mira anche il lato della domanda per ridurre i tempi di attesa. Gli strumenti di definizione delle priorità cliniche incentrati sul miglioramento dei risultati sanitari possono migliorare il processo di riferimento e la gestione delle liste di attesa.

Nel rapporto dell’OCSE, Nuova Zelanda viene utilizzato come esempio di un paese che ha cercato di migliorare la definizione delle priorità per i pazienti (ma in combinazione con l’aumento dell’offerta). A seguito della riduzione dei tempi di attesa per gli interventi chirurgici elettivi ad un massimo di 4 mesi nel 2012, i tempi di attesa sono diminuiti per molte procedure comuni e sono ben al di sotto della media OCSE. L’impatto sull’accesso alle cure e sui risultati sanitari Numerose prove evidenziano il fatto che lunghi tempi di attesa possono avere effetti negativi sia sull’accesso alle cure che sui risultati sanitari per i pazienti. Si tratta di affrontare le liste di attesa dal lato della domanda, razionando i tempi di attesa e implementando politiche di definizione delle priorità.

Le condizioni dei pazienti possono peggiorare durante l'attesa, soprattutto se l'attesa viene prolungata o se si perde la priorità del paziente. Sebbene la necessità di una sostituzione dell'anca, ad esempio, non sia pericolosa per la vita, convivere con una tale condizione a lungo termine è debilitante e può ridurre sostanzialmente la qualità della vita del paziente.

Oltre ad avere conseguenze potenzialmente gravi per i pazienti e ad essere fonte di bisogni assistenziali insoddisfatti in alcuni paesi, i lunghi tempi di attesa possono anche comportare disuguaglianze nell’accesso. Idealmente, l’accesso alle cure dovrebbe essere basato sulle necessità e non sulla capacità di pagare.

Alcuni pazienti avranno inevitabilmente più opzioni di altri e, a livello internazionale, esistono grandi disuguaglianze nell’accesso a seconda di dove vive il paziente. Ad esempio, il tempo massimo di attesa per un intervento di cataratta spazia tra i paesi da un mese in Danimarca a 1,5 anni in Estonia. Anche all’interno di un paese possono esserci differenze sostanziali tra l’accesso nelle aree rurali e metropolitane.

È anche probabile che la pandemia di Covid-19 avrà un impatto molto diverso sui sistemi sanitari nei diversi paesi, ma sono necessari più dati per analizzare questo aspetto. Cosa si può fare per migliorare i tempi di attesa nel Regno Unito? Sebbene le liste d'attesa del Regno Unito non siano significativamente indietro rispetto alla maggior parte degli altri paesi europei, il fatto è che le liste d'attesa, e quindi i tempi di attesa, sono aumentati sostanzialmente negli ultimi dieci anni. Abbiamo anche visto l’impatto del Covid-19 sui tempi di attesa, e i pazienti che aspettano più di 52 settimane per un intervento chirurgico elettivo rappresentano ora oltre 8% su un totale di 4,7 milioni di persone in attesa per un intervento chirurgico.

Per affrontare questo problema è necessario espandere sostanzialmente la capacità, e farlo rapidamente. In molti NHS Trust vi è carenza sia di capacità fisica che di personale per aumentare i livelli di attività. Un modo per aumentare la capacità in modo rapido ed efficiente è utilizzare infrastrutture sanitarie flessibili, come sale operatorie mobili o modulari.

UN teatro temporaneo può essere in vigore per un periodo più lungo per coprire lavori di ampliamento del dipartimento esistente, o per un periodo più breve per incrementare l'attività e le liste d'attesa “blitz” che si sono accumulate nel tempo. Tale soluzione può essere configurata come unità autonoma dedicata per interventi chirurgici ad alto volume, con un impatto minimo sulle risorse esistenti dell'ospedale. Una gamma di soluzioni flessibili, che possono essere fornite, se necessario, con personale qualificato ed esperto, sono disponibili da Vanguard.

Altre strategie mirano a migliorare il coordinamento tra assistenza primaria e secondaria, che può fornire un migliore flusso di pazienti e preziose informazioni sull’intero percorso del paziente e sui tempi di attesa in ogni fase del percorso. Anche in questo caso l’assistenza sanitaria flessibile può essere d’aiuto; ad esempio, una clinica mobile o modulare per lesioni minori può essere posizionata adiacente al principale reparto di pronto soccorso dell'ospedale per aiutare a indirizzare i pazienti verso il percorso più adatto.

Al momento, la domanda è inferiore rispetto al passato e si teme che, una volta che l’arretrato di segnalazioni si materializzerà, le liste di attesa vedranno un ulteriore forte aumento, quindi è ora di agire. In definitiva, ridurre il tempo di attesa delle persone per accedere ai servizi sanitari è essenziale per migliorare l’esperienza del paziente: una priorità chiave nella maggior parte dei paesi.

Condividi questo:

< Torna alle notizie

Potrebbe piacerti anche...

Vanguard Healthcare Solutions pubblica un nuovo white paper

"Ridurre le liste d'attesa, generare fondi, migliorare la vita: creare un centro chirurgico" Il 22 aprile 2024, i dirigenti senior di tutte le aziende sanitarie del Regno Unito si sono incontrati a Coventry per una tavola rotonda sulla creazione e l'ottimizzazione dei centri chirurgici. Presieduto da Chris Blackwell-Frost, l'incontro è iniziato con una sessione di domande e risposte incentrata sul centro chirurgico a South […]
Per saperne di più

Vanguard espone e lancia un nuovo white paper a NHS ConfedExpo 2024

Unisciti a noi allo stand B2 al Manchester Central il 12 e 13 giugno per NHS ConfedExpo 2024.
Per saperne di più

Vanguard sarà presente al BSG Live 2024

Saremo presenti alla British Society of Gastroenterology Live dal 17 al 20 giugno 2024, ICC Birmingham.
Per saperne di più

Soluzioni sanitarie Vanguard
Unità 1144 Regent Court, The Square, Gloucester Business Park, Gloucester, GL3 4AD

crossmenu

Sembra che tu sia negli Stati Uniti

Abbiamo un sito diverso (www.q-bital.com) che si adatta meglio alla tua posizione

Click here to change sites

Rimani su questo sito