Selettori generici
Solo corrispondenze esatte
Cerca nel titolo
Cerca nei contenuti
Selettori del tipo di post
Contatto

Soluzioni flessibili per aumentare la capacità della Green Zone

29 maggio 2020
< Torna alle notizie
Anche se la crisi più immediata potrebbe essere passata, molti ospedali continuano a prendersi cura di un gran numero di pazienti affetti da Covid-19, con rapporti che indicano che circa 25% di letti nelle unità di terapia intensiva devono essere conservati a questo scopo.

Con la diminuzione del numero di casi di Covid-19, gli ospedali e gli ambulatori medici hanno iniziato a prepararsi per riprendere gli appuntamenti di routine e le procedure pianificate, come chirurgia elettiva, endoscopia, test diagnostici e scansioni. Tuttavia, le cose restano ben lontane dal “business as usual”.

Anche se la crisi più immediata potrebbe essere passata, molti ospedali continuano a prendersi cura di un gran numero di pazienti affetti da Covid-19, con rapporti che indicano che circa 25% di letti nelle unità di terapia intensiva devono essere conservati a questo scopo. Esiste anche la prospettiva reale di una seconda ondata che, secondo numerosi esperti, tra cui il capo medico inglese,Il professor Chris Whitty – ha il potenziale per essere ancora più mortale del primo.

Allo stesso tempo, le liste di attesa per le procedure elettive stanno aumentando e probabilmente continueranno ad aumentare anche quando verrà reintrodotta la chirurgia programmata, poiché molti ospedali non saranno in grado di tornare immediatamente allo stesso livello di attività prima della crisi. Alcuni rapporti suggeriscono che le liste di attesa per le procedure elettive potrebbero raggiungere i 10 milioni entro la fine di quest'anno. Di conseguenza, gli ospedali sono sottoposti a crescenti pressioni affinché riprendano questo tipo di assistenza il prima possibile.

Il termine stesso “procedure elettive” è sempre più fuorviante. Ciò implica che i pazienti possano scegliere se procedere o meno con un'operazione. La realtà è che molti di questi pazienti sperimenteranno sempre più dolore cronico e comprometteranno la loro vita, e la maggior parte non considererà la procedura una scelta, ma una necessità crescente.

Una sfida chiave che gli ospedali si trovano ora ad affrontare nel prepararsi a riprendere le cure elettive, è come mantenere sia i pazienti che il personale al sicuro dai rischi associati all’esposizione a Covid-19, in particolare dato che molti dei pazienti che necessitano di un intervento chirurgico o di un trattamento sono più vulnerabili alle malattie a causa di altre condizioni di salute. Esiste anche il rischio che pazienti o visitatori provenienti dall’esterno portino il virus nelle zone pulite dell’ospedale, così come potrebbero farlo i medici che devono spostarsi da una struttura all’altra.

L’accesso ai test per il personale e i pazienti prima che le procedure abbiano luogo sarà importante, ma i lunghi tempi di risposta attualmente sperimentati per l’analisi dei test potrebbero aumentare ulteriormente i tempi di attesa e rischiare di annullare l’intervento chirurgico se i risultati non tornano in tempo.

Anche gestire la pressione sullo spazio fisico può essere difficile, poiché sarà necessario mantenere il distanziamento sociale sicuro nelle aree cliniche. In molti casi, le strutture ospedaliere sono state riconvertite o riprogettate per far fronte alla crisi, e lo spazio interno potrebbe essere suddiviso in zone “Verdi” e “Rosse”, che dovranno rimanere fisse ancora per qualche tempo. Ciò, unito all’aumento del tempo necessario per cambiare i DPI e per effettuare la pulizia completa delle sale procedurali tra un intervento e l’altro, ridurrà significativamente la produttività in quegli ospedali che riavviano le procedure elettive.

Molti ospedali disporranno di medici e personale sufficienti per tornare ai livelli di attività pre-COVID, ma con la ridotta produttività non saranno in grado di farlo senza ulteriore capacità fisica. Da dove verrà questa capacità aggiuntiva e che impatto avrà il percorso del paziente per la chirurgia elettiva sul personale esistente e sui flussi di pazienti?

Una potenziale soluzione potrebbe essere quella di considerare opzioni di infrastrutture sanitarie flessibili. Una sala operatoria mobile potrebbe migliorare le zone verdi degli ospedali fornendo uno spazio sicuro lontano dalle zone rosse Covid-19 all’interno dell’ospedale stesso. Combinato con un reparto mobile o modulare, che potrebbe ospitare anche le aree del personale, ciò potrebbe fornire una zona verde completamente autonoma in cui le procedure possono essere eseguite in sicurezza, senza esercitare ulteriore pressione su altre parti dell’ospedale.

Il dottor Hans Kluge, direttore per la regione europea dell'OMS, ha dichiarato recentemente in un'intervista al Daily Telegraph che ora è "il momento della preparazione, non della celebrazione". Ha sottolineato che, sebbene il numero di casi di Covid-19 in paesi come il Regno Unito, la Francia e l’Italia stia iniziando a diminuire, ciò non significa che la pandemia stia volgendo al termine e che i paesi dovrebbero sfruttare questo tempo per iniziare a sviluppare capacità negli ospedali, nelle unità di assistenza primaria e di terapia intensiva.

Poiché la pandemia e i conseguenti arretrati hanno comportato la necessità di capacità aggiuntiva temporanea, è opportuno considerare opzioni sanitarie flessibili che consentano agli ospedali di espandersi in base alle loro esigenze. Le strutture mobili e modulari possono essere utilizzate su base temporanea o semipermanente, a seconda delle esigenze.

Vanguard Soluzioni sanitarie fornisce strutture temporanee per supportare gli operatori sanitari quando è necessaria capacità aggiuntiva per ridurre le liste di attesa, per decantare una sala operatoria esistente o in risposta a una situazione di crisi, ed è un partner di fiducia del Servizio Sanitario Nazionale da oltre 20 anni.

Condividi questo:

< Torna alle notizie

Potrebbe piacerti anche...

Vanguard sarà presente a Healthcare Estates 2024

Conferenza ed esposizione dell'Institute of Healthcare Engineering and Estate Management (IHEEM) - 8 e 9 ottobre 2024, Manchester Central.
Per saperne di più

Vanguard sarà presente all'HEFMA Leadership Forum 2024

Saremo presenti all'HEFMA Leadership Forum 2024 presso l'International Centre, Telford, il 9 e 10 maggio 2024
Per saperne di più

Un'innovativa struttura di “consegna delle ambulanze” sta aiutando il North West Anglia NHS Foundation Trust a migliorare l'esperienza dei pazienti

Vanguard Healthcare Solutions ha fornito un'innovativa struttura di "consegna delle ambulanze" al North West Anglia NHS Foundation Trust, che ha già supportato più di 15.000 pazienti.
Per saperne di più

Soluzioni sanitarie Vanguard
Unità 1144 Regent Court, The Square, Gloucester Business Park, Gloucester, GL3 4AD

crossmenu

Sembra che tu sia negli Stati Uniti

Abbiamo un sito diverso (www.q-bital.com) che si adatta meglio alla tua posizione

Click here to change sites

Rimani su questo sito